Conseguimento CQC

CQC

La carta di qualificazione del conducente (in sigla CQC) in Italia, è un certificato di qualificazione professionale. Va accompagnato con la relativa patente di guida, necessaria alla conduzione di veicoli nello svolgimento di attività di carattere professionale legata all’autotrasporto.

L’obbligo di conseguire la CQC riguarda i conducenti che effettuano professionalmente l’autotrasporto di persone e di cose su veicoli per la cui guida è richiesta la patente delle categorie C, C+E, D e D+E.
Questo esclude i veicoli per cui è prevista la deroga.

I conducenti devono essere in possesso dei seguenti ulteriori requisiti:

  1. essere residenti in Italia
  2. essere residenti in Stati non appartenenti all’Unione europea o allo Spazio economico europeo, e prestare la propria attività alle dipendenze di un’impresa di autotrasporto di persone o di cose stabilita in Italia. L’ammissione al corso è subordinata all’esibizione del permesso di soggiorno in corso di validità.
  3. aver compiuto i 18 anni di età, per guidare veicoli adibiti al trasporti di merci per cui è richiesta la patente di guida delle categorie C e CE, in deroga al limite di massa complessiva a pieno carico di 7,5 t;
  4. aver compiuto i 21 anni di età, per guidare veicoli adibiti al trasporto di passeggeri per cui è richiesta la patente di guida delle categorie D e DE.

La Carta di Qualificazione del Conducente è conseguita superando uno specifico esame di idoneità. A questo si è ammessi dopo aver frequentato un corso di formazione teorica e pratica.